Link

Influencer


Influencer Questo articolo pone alcune meditazioni all’attenzione dei navigatori del web.

Invia Mail

Annunci

2 pensieri su “Influencer

  1. #‎DiBattista‬ sulla ‪#‎Boldrini‬: Un po’ di propaganda…

    Beh, le c…ate le dicono tutti, anche i nostri. ‘Ma chi l’ha detto che il presidente della repubblica deve avere più di 50 anni?’ (La Costituzione). ‘Boia chi molla era un motto del risorgimento’. (Vero ma molti lo ricordano per tutt’altro) ‘Dovremmo ritornare al Regno delle due Sicilie, al Ducato di Milano e alla Repubblica di Venezia’. (Futuro anteriore?) ‘La soluzione per l’Europa sono gli Eurobond’ (Quando mai un singolo strumento finanziario ha risolto problemi economici?) Questa è propaganda, continuare a ripetere le stesse cose, facendole apparire notizie nuove e utilizzare le battute per renderle più appetibili. Contano solo i fatti! La Boldrini ha applicato la ghigliottina dopo aver detto che avrebbe fatto ogni cosa per evitarlo. Renzie è andato in Europa a dire che l’Italia rispetterà tutti i trattati, incluso il Fiscal Compact e poi dice che l’Europa dovrebbe rivedere i trattati e rinunciare all’austerità. Se continuiamo a fare propaganda finiamo come LORO e ‪#‎perdiamonoi‬!

    Di Battista rivela un aneddoto sulla Boldrini che fa ridere tutta la piazza di Modena

    Imperdibile: http://bit.ly/1nTmPUq

    VINCIAMONOI!
    Di Battista rivela un aneddoto sulla Boldrini che fa ridere tutta la piazza di Modena Imperdibile: http://bit.ly/1nTmPUq VINCIAMONOI!

    Mi piace

  2. Il Fatto Quotidiano, in questo articolo, propone la teoria di Herbert Alexander Simon riguardante i processi decisionali ed il modo in cui la loro conoscenza permette ai politici di carpire il consenso ed influenzare le scelte degli elettori.

    In particolare individua i seguenti limiti della mente umana che possono essere sfruttati al fine di persuadere il proprio pubblico, in risposta cerco di proporre dei rimedi che, anche se non risolutivi, possono migliorare la situazione:

    Limiti attenzionali e di memoria : non riusciamo a seguire nel contempo più eventi e non possiamo riflettere consapevolmente che su un numero limitato di informazioni. Il leader lo sa e manipola le informazioni per renderle ridondanti.
    Rimedio: dilazionare nel tempo gli eventi da seguire raggruppandoli per categoria (ad esempio aprire una tab per ogni evento in una sessione per categoria) in modo di poter spostare l’attenzione dall’uno all’altro mantenendo la concentrazione sulla categoria. Escludere le informazioni ridondanti in modo di estrarre soltanto quelle utili e differenti. (chiudere le tab non appena ci si accorge che il contenuto è troppo simile ad una tab già analizzata e passare oltre)

    Limiti nella coerenza delle conoscenze: è impossibile confrontare tutte le nostre credenze in modo da poterle rendere coerenti. Il leader ripete all’infinito gli stessi concetti rendendoli coerenti al posto nostro.
    Rimedio: considerare che la coerenza non è strettamente necessaria, almeno a breve termine, quindi affrontare i problemi soppesando le varie conoscenze anche se contraddittorie e sospendere il giudizio se non si arrivano a dirimere i dubbi. Cercare di acquisire altre conoscenze chiarificatrici, magari in un tempo successivo, facendo l’ipotesi che ogni informazione sia vera e alternativamente falsa.

    Se la mente umana difficilmente riesce a considerare più di 6 o 7 variabili alla volta è evidente che non siamo esseri completamente razionali e che sia comodo per la nostra psiche che qualcuno scelga per noi, anche se non ce ne rendiamo conto. Grazie alle neuroscienze sappiamo che per il nostro cervello:

    Le decisioni diventano problematiche se si hanno troppe informazioni ( Per questo un esperto di comunicazione politica ripete sempre lo stesso concetto di base declinandolo in forme diverse )
    Rimedio: l’eliminazione sistematica delle informazioni ridondanti ovvia già in parte a questo riducendo il numero di variabili da considerare, se poi la questione è così complessa che il numero di variabili è estremamente elevato (ad esempio, strategie macroeconomiche, questioni tecniche) si deve ricorrere al supporto delle macchine ed allo studio approfondito e comparato.

    Se le informazioni sono troppe prendiamo decisioni peggiori e comunque insoddisfacenti ( Per questo spesso la migliore strategia è semplificare, dare soluzioni semplici a problemi complessi con naturalezza, che poi siano soluzioni infattibili gli elettori lo scopriranno troppo tardi )
    Rimedio: dubitare sempre di soluzioni semplici a problemi complessi, in ogni caso cercare una soluzione personale sulla base delle informazioni disponibili e solo successivamente valutare le soluzioni proposte da altri.

    La vigilanza e l’attenzione calano con il numero di elementi da considerare ( Più che dare informazioni e scendere nella complessità meglio che il leader parli in modo semplicistico, infarcendo il tutto di battute o invettive)
    Rimedio: come sopra ed inoltre dubitare di chi urla o fa battute proponendo soluzioni.

    Le prestazioni peggiorano se le informazioni ci arrivano ravvicinate nel tempo, pesano maggiormente le ultime informazioni arrivate ( Per questo è strategico dosare le interviste e le apparizioni in pubblico e i confronti diretti )
    Rimedio: rileggere le informazioni più vecchie ma rilevanti e confrontarle con quelle più attuali, evitare il bombardamento di notizie, prendersi il tempo di pensare.

    Alcune delle decisioni migliori sono emotive o inconsce ( per questo il leader deve incarnare l’uomo comune e la sua immagine deve permettere all’elettore un identificazione)
    Rimedio: il fatto che le decisioni emotive o inconsce possano essere le migliori è assai dubbio, anzi è il motivo per il quale le ideologie hanno avuto tanto successo ed hanno provocato tanti danni in passato. Di fatto non possono essere evitate, ma prendere coscienza del fenomeno può essere utile ad evitare il fenomeno di identificazione che porta alla necessità di avere un leader. Inoltre può essere utile riesaminare le decisioni prese in passato per verificare se sono state influenzate da questi fattori e correggere il tiro.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...