Lo scopo delle bufale

http://www.webitalia360.com/2016/10/05/chi-vota-no-al-referendum-e-un-razzista/

Kyenge.png

bufale

Lo scopo delle bufale

Coloro che creano queste bufale sono dei veri delinquenti della comunicazione. Kyenge non ha mai proferito tali parole. Qualcuno ha creato la notizia appositamente per far passare un contenuto nascosto. Apparentemente si parla di referendum, ma lo si accosta subdolamente al razzismo, utilizzano l’ex-ministro Kyenge come veicolo e bersaglio. Lo scopo di questo metodo di veicolare i significati è quello di indurre una reazione non cosciente nel lettore ed al contempo di creare una “cornice di consenso” attorno ad idee che il lettore non approverebbe se utilizzasse il ragionamento ma che penetrano nella sua mentalità attraverso le reazioni emotive acritiche. Così, chi è convinto sostenitore del NO al referendum, si sente offeso a sentirsi dare del razzista, e “pensa”: “ma questa è proprio una scema! Cosa c’entra il NO con il razzismo?” Passaggio successivo, sempre inconscio, se questa persona è così stupida forse si meritava gli insulti razzisti dei quali è stata oggetto. Infine la reazione del lettore, insulti verso Kyenge, scopo principale della comunicazione, perché le reazioni sono contagiose ed inducono altre reazioni oltre che a cliccare e condividere la notizia. Chi opera in questo modo si prefigge un duplice scopo, carpire clic per guadagnare attraverso la pubblicità, e creare un area di “consenso” inconscio attorno ad idee inizialmente non condivise dal lettore nonché screditare il proprio bersaglio, Kyenge.

Annunci

La fine del lavoro.

LavoroGratis

La fine del lavoro.

Beppe Grillo ha ragione, la concorrenza (sleale) al lavoro umano sono le macchine.
Però le macchine (i robot) sono il futuro, il lavoro di produzione potrebbe scomparire completamente. Lo scopo delle attuali politiche economiche e finanziarie è quello di controllare i capitali (e le macchine) in modo da obbligare gli uomini al lavoro ripetitivo e mantenerli schiavi. Lo scopo principale è il potere, non la ricchezza!
(continua…)
https://manuelsimonini62.wordpress.com/2014/10/10/jobs-end/

La soluzione alla scomparsa del lavoro, almeno come è inteso oggi, sembra impossibile, invece è abbastanza semplice. Basterebbe che il reddito generato dalla produzione automatica venisse redistribuito in quantità sufficiente a giustificare la produzione stessa. Solo poche persone lavorerebbero, svolgendo mansioni più qualificate e molto diverse da quelle di oggi, ottenendo una ricchezza superiore alla media, ma sarebbero le macchine a mantenere la rimanente parte dell’umanità. Ovviamente la popolazione non dovrebbe aumentare oltre i limiti imposti dalle risorse del pianeta, altrimenti tutto si squilibrerebbe catastroficamente. Questo sarebbe possibile se fossimo di fronte ad un problema economico, ma la natura del problema che viviamo oggi non è economica ma politica. Ribadisco, lo scopo è il potere di pochi sulle masse.

Scotland‬’s ‪referendum‬ 2014.

https://www.scotreferendum.com/2014/08/last-parliament-speech-before-referendum/


Scotland‬’s ‪referendum‬ 2014: have we to support Scotland independence? I say YES. It should be a good thing for all the Europe and for democracy! The interests of the City and English finance cannot coincide with those of the people that are job, health and welfare, for this independence is essential. You can leave a comment here.


Here is the last parliament speech.

I am proud to have just made the last speech in the last debate in the Scottish Parliament’s chamber before our historic referendum.
But the overwhelming sense of Scotland as she stands now is how much of this debate is not in the chamber, or amongst political parties, or activists or the “usual suspects”.
The overwhelming sense I have – having been across Scotland – is how engaged in the arguments and debates so many of our fellow citizens are.
And – contrary to the wilder reports in the media – how well informed, reasonable and civilised this debate is. I am also extremely proud of that, and of our country.
But today I have taken the last opportunity to emphasise the key points in favour of independence to my parliamentary colleagues.
In essence this whole debate can be boiled down to a simple question of “who decides?”. To borrow the words of Canon Kenyon Wright as reported in the Scotsman: “Where should the final word over Scotland be – in Westminster or in Scotland?”
Take the NHS.
Of course the management of the NHS is fully devolved to Scotland. That has allowed us to avoid the privatisation and constant reorganisation of management of the NHS that UK Governments have pursued in England.
Instead the NHS in Scotland has been run in line with priorities of the people of Scotland and the needs of a nation of 5 million people.
That demonstrates the advantages of self-government. Of making decisions in Scotland for Scotland in accordance with Scottish needs and wishes.
But we do not control our resources. We hand our money to the Treasury. And it decides how much we have to fund our NHS and our other public services – we have no say.
That is why protecting the NHS as a fundamental reason for independence. So that cuts from Westminster don’t damage our NHS and instead we have the opportunity to decide for ourselves the resources we give to the NHS and other public services.
As for health so for welfare. We are currently in the ludicrous position of having to use our limited block grant to mitigate the effects of the ‘Bedroom Tax’ and other UK welfare reforms.
Who decides? The DWP. The Treasury. We are left trying repair the damage these decisions wreak in our communities.
It would clearly, unanswerably be better for us to make decisions about welfare here in Scotland in the first place and to control our resources. That would give us the opportunity to shape the welfare system we want and need.
As for welfare so for our economy.
Again it would clearly, unanswerably be better for us to have the opportunities of control of our own resources to plan and invest in our economy in line with our national priorities and strengths. Not to rely on the Secretary of State for Scotland winning a bureaucratic battle within Whitehall to secure back some of our own money.
And as for the economy so for immigration, or retaining our taxes to invest in childcare, or our representation in EU farming negotiations.
In all these areas we are currently dependent on decisions made elsewhere. With independence we will have opportunities: to reinvest in transformational childcare; to encourage talented migrants to say here and to provide opportunities for Scottish young people to remain; to argue Scotland’s case directly in Brussels.
And let’s be clear that none – not one – of the proposals for further devolution from the other parties will improve this position.
They show no ambition, no sense of the powers the people of Scotland want for us here.
They do not provide the opportunities we need to grow our economy or preserve our welfare system.
We believe in independence – that decisions about Scotland should be made in Scotland – for two simple reasons.
First, that is right and democratically proper. Second, no one is better placed to take advantage of the opportunities for our country.
We do not – and never have – claim that we will get every decision right, or that independence is a magic wand. But we have the talent, the resources, and the incentive to do a better job than anyone else.
Before the final weeks of this historic campaign, let me end on a note of consensus.
I believe that we can confidently expect three things after a vote for independence.
First, that this Parliament will come together to argue the case for the interests of Scotland. We might not agree on every detail of the best settlement for our country, but we will work together as we take this next step on our national journey.
Second, that the negotiations between Scotland, the rest of the UK – and others such as the EU – will be timely and constructive leading to two friendly and viable states.
A moment’s thought tells us that this is in the interests of all concerned. Both governments will want to help citizens and businesses across the UK navigate the path to a new constitutional future as easily as possible.
Third, that an independent Scotland and the rest of the UK will be the closest of friends and neighbours. Once the rhetoric of the campaign has faded the enduring bonds of family, history, geography and common interest will remain. As nations and individuals we will be as close as we are today.
The next time we meet in Parliament, Scotland will have taken its historic decision. When we return I am sure we will all work together for the good of our country – whatever the outcome.
And I am convinced the opportunities of independence will win the day and Scotland will be on its journey to independence.


Note:
The Scottish Independence Referendum Act 2013 restricts the material that can be published by the Scottish Government and other public bodies for 28 days before the independence referendum on September 18. The restrictions, in force from August 22, cover a range of communications including written correspondence, speeches and social media channels. For more information read the guidance: http://www.scotland.gov.uk/Topics/Government/Elections/guidance/ElectionsGuidanceCS
The facility to comment on the Road to 2014 Blog and our Facebook page will be suspended until after the independence referendum. The Scottish Government’s Twitter account @scotreferendum will not be updated during this period.
Comments are closed

Grillo polizia e tubercolosi.


http://sappilo71.wordpress.com/2014/09/03/grillo-e-il-rischio-tubercolosi-solo-falso-allarmismo/


Questa è la stessa tecnica di marketing usata dal blog e dai siti della Casaleggio Associati. Per caso ne fai parte o ti hanno fatto un corso?

COLPA DEI MEDIA, MERITO DELLA RETE:
“Poi però si incappa in due notizie sottaciute dai media e raccolte dalla rete e il dubbio che Grillo alla fine non abbia poi esagerato così tanto sorge.”

FALSO: “Non è un caso che l’organizzazione mondiale della sanità abbia lanciato un allarme e abbia sollecitato a tenere alta l’attenzione verso queste malattie che si pensava fossero state debellate e che invece in occidente stanno crescendo a livello esponenziale”.

2 PESI 2 MISURE MA STESSA BILANCIA!
“Quindi giusto dire che l’allarmismo è sbagliato ma altrettanto giusto è dire che questa ipocrisia e questo usare due pesi e due misure per giudicare lo stesso argomento è veramente nauseante.”

I motivi per cui le notizie vengono trattate in modo differente è evidente, i media classici colpiscono una tipologia di utente differente dalla rete e dal blog, entrambi cercano un effetto sulla ‘pancia’ del popolo di segno opposto e complementare, la stessa bilancia da 2 pesi e 2 misure. Non è ‘nauseante’ fa parte della strategia di Casaleggio ed è studiata a tavolino, tempistica compresa, stile partita a scacchi sperimentale. Lo stesso definirla ‘nauseante’ è parte dell’ultima mossa contro la ‘pancia’ del popolo.

Poi lamentatevi se qualcuno vomita critiche…

Sappilo

Come spesso succede Beppe Grillo ha la grande capacità di accendere dibattiti e polemiche forti su tematiche che lancia sul suo blog. L’ultimo caso è quello del rischio contagio di malattie infettive che deriverebbe dai flussi migratori che in questi ultimi mesi sono molto aumentati soprattutto con gli sbarchi provenienti dal Nord Africa.
E questa volta per lanciare il tema in questione, Beppe Grillo ha preso spunto da un comunicato di Igor Gelarda, segretario generale del sindacato di polizia Consap, il quale ha denunciato i rischi che corrono gli uomini delle forze dell’ordine, addetti all’accoglienza o alla gestione degli immigrati, nel contrarre malattie infettive, in particolare la tubercolosi, a causa della mancanza di materiale protettivo che è previsto che  in questi casi sia dato in dotazione alle forze dell’ordine da parte dello stato. Tanto da averli portati ad aprire una Class Action contro lo stato.
Questo il post in questione:…

View original post 1.108 altre parole

Il sacro blog e la propaganda.

BlogGrillo
Sempre lo stesso stile, i dati sono importanti, però DESCRIVERE nella didascalia senza invitare a cliccare è più importante! Poi la notizia è vecchia, a cosa serve pubblicarla così? A screditare renzusconi? A diffondere un po’ di pessimismo? Oppure a tranquillizzare chi è in difficoltà: ‘c’è qualcuno che pensa anche a voi’ chi sarà che pensa a voi, forse il M5S?

Questa è una tipica tecnica da ‘spin doctor’, utilizza l’impatto emotivo di una notizia negativa che si inserisce in un contesto di pre-cognizioni più che altro inconscie (la percezione viscerale della crisi) per rafforzare concetti inespressi ma sottointesi (tutta colpa del governo, meno male che c’è il M5S, ecc) al fine di creare una cornice di consenso, evitando la fase critica del pensiero.
Reiterando questa tecnica con contenuti diversi, si infilano via via elementi all’interno della ‘cornice di consenso’ senza che il lettore se ne accorga e manipolando l’opinione pubblica collettiva.
Una volta creata, consolidata e diffusa ad un ampio pubblico, la ‘cornice di consenso’ è pronta per essere utilizzata per condizionare comprtamenti di massa acritici, ad esempio insulti, voti, opinioni, click, mi piace. Ed ecco l’esercito di guerrieri belanti pronto per l’uso.
Questa è la stessa tecnica utilizzata da Berlusconi, Renzi, Napolitano e quasi tutti i politici (anche nel resto del mondo) utilizzando tutti i media e gli influencer disponibili.
La peculiarità della strategia di Casaleggio (blog di Grillo e galassia dei siti collegati) è quella di denunciare la falsità e faziosità di tutti gli altri media nascondendo in questo modo la propria in un gioco di doppi e tripli rimandi.(l’amico del nemico del mio nemico è mio amico, quindi ha ragione)