Riforma costituzionale senza il consenso del popolo.

Il Governo Renzi sta conculcando la Costituzione con metodi autoritari ed antidemocratici, qualcuno deve intervenire prima che sia troppo tardi.

Riporto i risultati delle elezioni politiche 2013 alla Camera:


PD 8.642.700 – 25,41% Seggi 292
SEL 1.090.802 – 3,2% Seggi 37
Centro Democratico 167.201 – 0,49% Seggi 6
SVP 146.804 – 0,43% Seggi 5

TOTALE CENTRO SINISTRA 10.047.507 – 29,54% Seggi 340

PDL 7.332.121 – 21,56% Seggi 97
Lega Nord 1.390.156 – 4,08% Seggi 18
Fratelli d’Italia 666.001 – 1,95% Seggi 9
La Destra 220.312 – 0,64% Seggi /
Grande Sud – MPA 148.570 – 0,43% Seggi /
MIR 81.972 – 0,24% Seggi /
Partito Pensionati 55.050 – 0,156 Seggi /
Intesa Popolare 25.680 – 0,07% Seggi /
Liberi per un’Italia Equa 3.238 – 0,00 Seggi /

TOTALE CENTRO DESTRA 9.923.100 – 29,18% Seggi 140

Movimento 5 Stelle Beppegrillo.it 8.688.545 – 25,55% Seggi 108

Scelta Civica 2.823.814 – 8,30% Seggi 37
Unione di Centro 608.292 – 1,78% Seggi 8
Futuro e Libertà 159.454 – 0,46 Seggi /

TOTALE COALIZIONE MONTI 3.591.560 – 10,56% Seggi 45

Rivoluzione Civile 765.054 – 2,24% Seggi /

FARE Per fermare il declino 380.937 – 1,12% Seggi

Sommando le percentuali di PD e area Monti si arriva a circa il 36%, se si considera anche l’NCD che non si è presentato alle elezioni ma si è formato successivamente si può arrivare al massiamo a circa il 45%. Considerando un’astensione di circa il 25%, l’attuale area di governo rappresenta più o meno il 34% degli italiani. Grazie alla legge elettorale con premio di maggioranza, poi dichiarata incostituzionale, il Centro Sinistra con meno del 30% dei consensi si è accaparrato, il 55% dei seggi pari a 340 deputati.

L’attuale presidente del consiglio Matteo Renzi non è stato eletto ma nominato dall’ex-Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Questo sarebbe già sufficiente per definire illegittimo il Governo ed il Parlamento.

Per poter compiere riforme costituzionali ed istituzionali, non solo è illegittimo ma completamente estraneo allo spirito costituente, vedasi l’art.138 della Costituzione stessa. Se si aggiungono il clima di violenza, verbale e non solo, che ha contraddistinto le sedute alla Camera del 12 e 13 Febbraio,  l’uscita delle opposizioni dall’aula, i dubbi nelle fila della stessa maggioranza ed il metodo antidemocratico di contingentamento dei tempi, il nuovo Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, garante della Costituzione e Presidente della Consulta, dovrebbe intervenire d’urgenza per garantire il popolo italiano avverso questo tentativo autoritario di modifica costituzionale a colpi di maggioranza. Suggerirei tre possibili gradi di intervento che credo potrebbe mettere in atto, congelare l’iter delle riforme per prendersi un lungo periodo di riflessione e ristabilire un clima politico accettabile, annullare quanto deliberato fino ad ora e ripartire da zero, sciogliere le camere e riprendere le riforme dopo nuove elezioni.

Annunci

2 thoughts on “Riforma costituzionale senza il consenso del popolo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...